EuroChocolate, Perugia: Il più grande Festival europeo a tema cioccolato

Tutti vogliamo essere felici, la felicità è l’emozione più profonda e piacevole per l’essere umano ma non esiste un tempo o una strada che ci porti ad essa, la felicità è la strada stessa, non un obiettivo quindi ma l’esistenza di qualcosa nel mondo che ci rende felici. La mia strada mi ha portato a Perugia, dove qualcosa che rende veramente felici l’ho trovato e in grande abbondanza: il cioccolato!

Eurochoocolate inspired recipe for chocolate cake

La storia del cioccolato

Una gioia da mangiare, un’estenzione dei sentimenti che genera in noi i cosidetti “ormoni dell’amore”. La storia del cioccolato parte da lontano, dall’America settentrionale più di 4000 anni fa, dove l’albero del cacao cresce spontaneamente e le fave di questa pianta venivano utilizzate da Maya e Aztechi come moneta di scambio oltre che come alimento energizzante.

Grazie al colonizzatore Hernàn Cortèz, il cacao giunse in Europa, passando negli anni dai monasteri alle prime fabbriche di cioccolata per giungere fino a noi in una gamma infinita di forme e abbinamenti pronte a deliziare ogni tipo di palato. Questo mi ha condotto a Perugia, dove ogni anno a Ottobre si svolge un evento internazionale che attrae migliaglia di turisti da tutto il mondo : l’Eurochocolate.

Eugenio Guarducci

Un vero e proprio festival del cioccolato nato da una visione dell’architetto Eugenio Guarducci che visitando l’Oktoberfest di Monaco di Baviera, sognò per la sua città un grande evento dedicato però anzichè alla birra, al cioccolato. Perugia, infatti è una città dalla grande tradizione cioccolatiera nonchè sede della storica fabbrica di cioccolato Perugina, produttrice dei famosi cioccolatini contenenti piccole frasi d’amore: I baci Perugina.

Oggi Guarducci è il presidente di questo grande Festival Internazionale; Eurochocolate è diventato un evento imperdibile per i produttori di cacao e soprattutto per i golosi di tutto il mondo. Quest’anno, per ragioni di sicurezza, l’evento si è trasferito dal centro storico di Perugia al centro fieristico di Umbriafiere, nella vicina Bastia, punto strategico tra Perugia e Assisi, due delle maggiori città turistiche dell’Umbria. Una speciale edizione indoor in attesa del ritorno nel capoluogo umbro auspicabile per l’anno prossimo con addirittura una doppia edizione.

La mia visita

La mia visita ad ogni modo è stata un esperienza da subito emozionante; Vedere famiglie, coppie e gruppi di amici gironzolare sereni e ordinati in mezzo a questo enorme mercato del cioccolato ha valso già di per se il prezzo del biglietto, irrisorio di fronte alla moltitudine di intrattenimenti, percorsi itineranti, giochi e degustazioni presenti. L’ingresso è stato subito accompagnato da dei golosi omaggi e dal caloroso benvenuto di Willy Wonka e le sue mascotte.

L’aria è festosa e sa di cacao, il clima è fiabesco ed è sorvegliato dall’imponente Statua di Montezuma, il famoso sovrano azteco, grande consumatore di cioccolato. Difficile non farsi trasportare dall’atmosfera e dalle migliaglia di prodotti che vanno dai semplici cioccolatini dagli incarti sgargianti, ai liquori, alla pasta, tutto rigorosamente al cioccolato, presente in ogni forma e varietà.

L’incantesimo non si spezza nemmeno partecipando al ricco programma di laboratori e show cooking condotti da esperti e nomi storici della pasticceria italiana e internazionale tra i quali: Iginio Massari, che ha aperto le danze, e Ernst Knam che ho avuto la fortuna di vedere all’opera e di poter deliziare delle sue creazioni.

Eurochocolate in Perugia. Pastry Chef  Ernst Knam

La felicità

L’arte pasticcera unita all’oratoria di questi maestri è stata un’ esperienza coinvolgente e decisamente formativa per un appassionato come me oltre che, naturalmente, un grande piacere gustativo. Me ne sono andato a pomeriggio inoltrato, con due buste colme di cioccolata, un sorriso stampato sul volto e la convinzione che ci sono solo due soluzioni alle paturnie del cuore e alla tristezza: Il tempo e la cioccolata, e visto che è difficile aspettare che arrivi la felicità, meglio andargli incontro e credo che Eurochocolate sia su quel giusto tratto di strada che ci può rendere felici e fondenti.

Per questo dolce mi sono liberamente ispirato a questo weekend perugino e ad alcuni dei cioccolatini italiani più famosi e dalla storia curiosa: Il rocher ad esempio fu dedicato da Ferrero alla Madonna di Lourdes, il suo nome e la sua forma sono infatti ispirata a Roc De Massabielle, la grotta dove la Vergine Maria apparve a Santa Bernardette.

Il cremino

Il cremino invece fu inventato Ferdinando Baratti e dal socio Edoardo Milano e deve la sua popolarità alla celebre casa automobilista torinese FIAT, in quanto questa lanciò nel 1911 un concorso fra i cioccolatieri d’Italia per creare un nuovo cioccolatino a scopo pubblicitario, da riservare esclusivamente in occasione della presentazione del  nuovo modello Fiat tipo 4, un’automobile di lusso costruita dal 1910 al 1918.

Il bacio

Il bacio infine sembra sia nato dall’idea di Luisa Spagnoli di impastare, con altro cioccolato, i frammenti di nocciola che venivano gettati durante la lavorazione dei dolciumi. Ne venne fuori uno strano cioccolatino dalla forma irregolare, che ricordava l’immagine di un pugno chiuso, dove la nocca più sporgente era rappresentata da una nocciola intera. Fu chiamato per questo inizialmente “Cazzotto”. Tante storie particolari per questi cioccolatini così famosi e così buoni che valeva la pena raccontate con un dolce che li mettesse insieme e che rappresentasse le nostre eccellenze cioccolaratiere.

Torta al cacao, Rocher, riccioli di cremino, mousse al bacio

Per il Cremino

Ingredienti:

• 300 g cioccolato al latte
• 150 g cioccolato bianco
• 120 g pasta di nocciole

Procedimento:

• Sciogliere il cioccolato a latte in un pentolino a fiamma bassa
• Una volta sciolto, spegnete la fiamma ed aggiungete 80 grammi di pasta di nocciole e mescolate bene
• A questo punto versate il composto in stampini di forma rettangolare, facendo attenzione a riempirli solo 1/3 della loro capienza.
• Riponete gli stampi in freezer per 15 minuti circa
• Sciogliete ora il cioccolato bianco a fiamma bassa in un pentolino.
• Una volta sciolta, spegnete e aggiungete 40 grammi di pasta di nocciole e mescolate fino ad avere un composto uniforme
• A questo punto dovete versare il composto come secondo strato di cioccolato, negli stampi riempendoli fino a 2/3
• Riponete di nuovo gli stampini in freezer per altri 15 minuti
• Per finire riprendete gli stampi e ricopriteli con la rimanente parte del cioccolato al latte sciolto
• Metteteli in freezer per circa 1 ora. Trascorso il tempo di raffreddamento lasciateli riposare per una mezz’ora a temperatura ambiente. Poi toglieteli dagli stampi.

Per la mousse al bacio

Ingredienti:

• 400 ml di panna fresca
•200 g di cioccolato fondente
• 80 g di nocciole tritate

Procedimento:

• La temperatura ideale del cioccolato fuso è tra 45 e 50°C.
• Sciogliete il cioccolato a bagnomaria controllando che rientri in questo range di temperatura.
• Nel frattempo lavorate la panna finché diventa semimontata, ovvero semiliquida. In questo modo continuando a rimescolare la panna nel momento in cui unirete il cioccolato fuso a 50°C, finirà di montare ed otterrete un composto spumoso.
• Aggiungete la granella di nocciole e tenete da parte in frigorifero.

Per il rocher

Ingredienti:

• 150 g Cioccolato al latte
• 80 g nocciole

Procedimento:

• Sciogliere metà delcioccolato a bagnomaria
• Nel frattento tostare le nocciole in forno a 180°C per qualche minuto
• Versare il cioccolato fuso in stampi a semisfera facendo colare l’eccesso
• Mettete gli stampi in freezer per 1 ora
• Trascorso questo tempo, sciogliete l’altra metà del cioccolato
• Tritate le nocciole tostate e aggiungetele al cioccolato
• Togliete le semisfere di cioccolato dai stampi e poggiatele sulla parte posteriore dello stampo
• Prendete il cioccolato con la granella che dovrà essere tiepido e spennellate le semisfere fino a creare un rivestimento uniforme
• riponete nuovamente in frigo per 1 ora

Per la torta al cacao

Ingredienti:

• 200 gr di farina 00
• 50 gr di cacao amaro
• 200 gr di zucchero
• 200 ml di latte 
• 2 uova
• 100 ml di olio di semi
• 1 bustina di lievito per dolci
• 1 cucchiaino di estratto di vaniglia 

Procedimento:

• Riunite in una ciotola il latte, l’olio di semi, le uova e l’estratto di vaniglia e lavorate velocemente con una frusta a mano
• Aggiungete tutti gli ingredienti secchi: farina, lievito e cacao setacciati, zucchero ed un pizzico di sale e lavorate ancora velocemente a mano
• Versate l’impasto in uno stampo da 22-24 cm di diametro imburrato o rivestito con della carta forno
• Infornate la torta in forno preriscaldato a 180°C 30-35 minuti
• Sfornate e lasciate raffreddare completamente, prima di sformarla

Impiattamento:

• Tagliate una fetta di torta e poggiatela al lato del piatto
• Tagliate il cremino con un pelapatate fino a formare dei riccioli con il quale decorerete la torta
• Ponete al centro due semisfere del rocher
• Riempitele con la mousse al bacio e decorate con scaglie di cioccolato e nocciole


Schiacciata con l’uva e yogurt di uva, burrata, biscotto
Menabrea e polenta raccontano Biella: un paradiso tra natura e artificio

Lorenzo Diamantini

Food and Wine Editor

Lorenzo Diamantini was born in 1987 in Gubbio, a wonderful medieval Umbrian city in central Italy. He has been an electrician for 15 years and at the same time, cultivates countless passions for art, photography, reading and writing — in particular poetry which is his own peculiarity. Lorenzo is the author of several poems and he devotes much of his free time to his writings. As a former footballer, Lorenzo is also a fitness lover, a full-time athlete, and devotes 6 days to training per week. Care for the body and food brings him closer to the world of cooking which becomes a large part of his creative expression and good taste. This somewhat stimulating hobby matures hand in hand with his love for wine and craft beer that embellish the recipes with refined combinations. Numerous publications of his dishes on his social media platforms attract great interest/ Today, Lorenzo is a food blogger in evolution and is more and more appreciated on the net. Follow @lorenzodiamantini on Instagram.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Build your authentic life in Italy! Live in Italy Magazine is an experiential lifestyle news site dedicated to anyone who has or will make Italy their home away from home. Read stories from expats and Italians.

We feature in-depth articles and interviews covering:

  • Food & Wine
  • Travel
  • Lifestyle
  • Design, Art, & Culture
  • Real Estate & Long-Term Rentals

We are committed to creating great content. Please consider becoming a Sponsor by donating on Patreon

Thank you for your support!

 

Our Contributors:

Lisa Morales, Editor-in-Chief (Miami)
Christine Cutler, Travel Editor (St. Petersburg, FL)
Lorenzo Diamantini, Food and Wine Editor (Gubbio)
Adriana Suarez, Top 8 Editor (Miami)
Maximillian Payne,  Calendar Editor (London, UK)
Bel Woodhouse, Contributing Editor (Cozumel, Mexico)
Giulia Marchetti, Contributing Editor (Viterbo)
Angie Kordic, Visual Arts Contributing Editor (Stockholm, Sweden)
Officinavisiva, Contributing Editorial Photographer (Viterbo)
Patrizia Vigolo, Contributing Wine Editor (Vicenza)

Al Esper Graphic Design: Digital Edition Art Director (Tennessee)
SQLHardhat: Aaron Morales, Website Design and SEO (Gainesville)
Visual Popcorn: John Craven, Video Editor (Miami)
Sabrina Negro, Translator (Piemonte)
Giulia Ferro, Subtitler EN/IT (San Michele all’Adige)

Sales: sales@liveinitalymag.com

Submit Your Press Release: lisa @ liveinitalymag.com

Guest Contributors:

Guest Contributor applicants should have a good understanding of WordPress. Email links to recent articles along with your social media handles to: lisa @ liveinitalymag.com.

 

en English
X