Cinque cose che avresti dovuto imparare da “Searching for Italy” di Stanley Tucci

Hai visto Searching for Italy di Stanley Tucci sulla CNN? Ti sei innamorato di Stanley Tucci—e dell’Italia—mentre ci introduceva sul campo, hai imparato qualcosa sul cibo italiano dal tour culinario di Tucci in sei regioni del paese? Diamo un’occhiata ad alcune cose che potresti esserti perso durante lo spettacolo.

Cucina regionale

Searching for Italy: regione Italiene


Il cibo italiano, se si può dire che esiste una cosa del genere, è una cucina varia. Ci sono 20 regioni (o stati) nel paese, e ognuna ha le proprie ricette, prodotti, sapori, ecc. La storia del paese ha influenzato l’evoluzione della cucina italiana. Considera che la penisola italiana era un conglomerato di città stato indipendenti fino al 1871, e gli invasori della penisola influenzarono la cucina della particolare area che occupavano.

Avrete notato che mentre a Milano (Lombardia), Tucci ha apprezzato la cotoletta tutta milanese (una cotoletta di vitello ricoperta di uovo e pangrattato e fritta nel burro), un piatto simile alla cotoletta austriaca (che è fritta nello strutto). In Sicilia, Tucci mangiava la pasta alla Norma, una combinazione di salsa di pomodoro e formaggio con melanzane, un ortaggio introdotto nell’isola dagli arabi.

Searching for Italy: i pomodori

Anche il pomodoro, ingrediente iconico in tanti piatti italiani, non era originario dell’Italia. Portati in Italia dagli spagnoli nel XVI secolo, i pomodori sono diventati un ingrediente centrale della cucina italiana nel XIX secolo.

Pomodori San Marzano

Parlando di pomodori, chef e cuochi italiani adorano i pomodori San Marzano, una varietà di pomodori datterini. Mentre i San Marzanos crescono fuori dall’Italia, c’è solo un posto in cui cresce la cosa “reale”. Tucci ha visitato la patria del pomodoro San Marzano, l’Agro Sarnese Nocerino, zona all’ombra del Monte Vesuvio e vicino al fiume Sarno. Il suolo vulcanico della zona produce un pomodoro più dolce e meno acido, e quelli coltivati hanno la denominazione DOP (Denominazione d’Origine Protteta).

La denominazione DOP significa Denominazione di Origine Protetta. In altre parole, il governo italiano certifica che il prodotto, dalla produzione al confezionamento, ha seguito rigide linee guida. Se vuoi cucinare con i veri pomodori San Marzano, controlla le etichette sulle lattine per la DOP. Senza quella denominazione non si ottengono pomodori San Marzano dell’Agro Sarnese Nocerino.

Aglio


Combatto costantemente una battaglia con i non italiani che pensano che tutto il cibo italiano sia carico di aglio. Sì, gli italiani usano l’aglio nella loro cucina, ma lo usano con moderazione per aggiungere sapore al piatto e non sopraffarlo. Molti italiani lo cucinano come faceva mia nonna: aggiungono uno spicchio d’aglio all’olio d’oliva e lo riscaldano per rilasciare il sottile profumo e sapore. Quindi eliminano lo spicchio e proseguono la cottura. Alcune ricette non richiedono nemmeno l’aglio.

Pasta all’Amatriciana

Prendi i quattro primi piatti che Tucci ha mangiato a Roma. Non c’era uno spicchio d’aglio—o cipolle, se è per questo—sul posto. Pasta alla Gricia, Pasta all’Amatriciana, Caccio e Peppe, e Carbonara sono tutte semplici e deliziose così come sono.

Spaghetti alla bolognese

Gli spaghetti alla bolognese non esistono in Italia. Se hai visto Tucci divorare le Tagliatelle alla Bolognese o al Ragù, potresti aver notato che la pasta del piatto era una tagliatella larga (tagliatelle). Inoltre, ciò che copriva non era salsa di pomodoro brodosa ripiena di carne macinata.

Searching for Italy: le Tagliatelle Bolognese

Le Tagliatelle Bolognese sono un mix di carote, sedano e cipolle finemente tagliate a dadini; pancetta (pancetta italiana); e carne di vitello o manzo macinata. C’è pochissimo pomodoro nel piatto, forse un cucchiaio o giù di lì di concentrato di pomodoro solo per il sapore. Poiché questa salsa pesante ha bisogno di una pasta che sia abbastanza larga da contenerla, gli italiani la servono sopra le tagliatelle, una pasta larga circa 0,25-0,33 pollici.

Aceto balsamico


L’aceto balsamico è un ingrediente popolare in molti alimenti. Leggermente dolce ma aspro, l’aceto balsamico è diventato un ingrediente fondamentale in condimenti per insalate e marinate in particolare. Tucci had viagiato all’Acetaia Giusti, uno dei più antichi produttori di aceto balsamico di Modena. Come probabilmente avrai notato, c’è una grande differenza tra l’aceto che ha provato e l’aceto che puoi acquistare per $ 5 al supermercato.

Traditional Balsamic Vinegar Courtesy: Caroline Attwood

Fare l’aceto balsamico tradizionale richiede molto tempo. Ottenuto dal mosto d’uva di uve Trebbiano o Lambrusco, l’aceto balsamico matura per un minimo di 12 anni. Con l’invecchiamento diventa più denso in quanto più concentrato. Il più bello, l’extra vecchio, matura per 20-25 anni. Come con i pomodori San Marzano, gli aceti balsamici tradizionali provengono da una regione specifica in Italia e hanno la denominazione DOP. I migliori aceti balsamici possono essere venduti per $ 200 + l’oncia.

Come ha notato Tucci, il balsamico tradizionale non è un ingrediente di cucina e non dovresti mai riscaldarlo. Aggiungilo sopra carne alla griglia, verdura, frutta, risotti, formaggi, gelati e altro per migliorare il sapore del cibo ed evidenziare il gusto complesso dell’aceto.

Dove andrà Stanley il prossimo?


Se sei un fan di Searching for Italy, sarai felice di sapere che la CNN ha rinnovato Tucci per un’altra stagione. L’episodio 1 lo porterà in Piemonte, mentre il secondo è in Abruzzo. Nell’episodio 3, tornerà in Lombardia e trascorrerà del tempo sul Lago di Garda (che si trova anche a cavallo delle regioni Veneto e Trentino-Alto Adige). Salite in Veneto (Laguna di Venezia), Marche e ritorno in Campania completano la stagione.

Sfortunatamente, dobbiamo aspettare fino al 2022 per sbavare sulle sue prossime delizie culinarie.


Potresti anche divertirti a leggere …

Muoviti San Patrizio, San Giuseppe è qui!
Sformato di Roveja

Avatar
Chris Cutler

Travel Editor

Christine Cutler is a writer, photographer, editor, guide, teacher, traveler, Ohio native, Florida resident, and world citizen. She lives in Downtown St. Petersburg with her husband and crazy Welsh Terrier, but she can’t sit still very long. In addition to maintaining her own websites Cold Pasta and Red Wine and Christine Cutler, she is executive editor of Food, Wine, Travel Magazine; a travel, non-fiction, and memoir writer; a photographer; and an editor whose work has appeared in various publications. In addition, she has taught Spanish, English, and memoir, grammar, and business writing. A dual Italian-American citizen, she spends as much time as she can exploring Italy.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Build your authentic life in Italy! Live in Italy Magazine is an experiential lifestyle news site dedicated to anyone who has or will make Italy their home away from home. Read stories from expats and Italians.

We feature in-depth articles and interviews covering:

We are committed to creating great content. Please consider becoming a Sponsor by donating on Patreon

Thank you for your support!

Our Contributors:

Lisa Morales, Editor-in-Chief (Miami)
Christine Cutler, Travel Editor (St. Petersburg, FL)
Lorenzo Diamantini, Contributing Food Editor (Gubbio)
Matteo Zanni, Contributing Wine Editor (Emilia Romagna)
Adriana Suarez, Top 8 and Calendar Editor (Miami)
Maximillian Payne, Contributing Editor (London, UK)
Bel Woodhouse, Contributing Editor (Mexico)
Giulia Marchetti, Contributing Editor (Viterbo)
Karen La Rosa, Contributing Editor (New York)
Angie Kordic, Visual Arts Contributing Editor (Stockholm)
Julia Alzate, Spanish Language Correspondent (Food & Wine & Interior Design)
Stefano Campanini, Travel Writer

 

Al Esper Graphic Design: Digital Edition Art Director
SQLHardhat: Aaron Morales, Website Design and SEO
Visual Popcorn: John Craven, Video Editor

Sales: sales@liveinitalymag.com

Submit Your Press Release: lisa @ liveinitalymag.com

Guest Contributors:

Guest Contributor applicants should have a good understanding of WordPress. Email links to recent articles along with your social media handles to: lisa @ liveinitalymag.com.

 

en English
X