Al mercato. Al mercato: consigli di viaggio

Fin dall’infanzia, ho sempre apprezzato i mercati e ricordo di essere andata al mercato di Pyatt Street a Youngstown, Ohio, con i miei genitori. Ricordo ancora i colori, i suoni e gli odori di frutta e verdura da esporre lì. Ci siamo recentemente trasferiti a Downtown St. Petersburg, in Florida, e il nostro condominio è vicina dal mercato del sabato che, anche durante questa pandemia, sta saltellando il sabato. Non c’è niente come un mercato per avere un’idea della comunità in cui ti trovi.

market tents through the archway of the Sulmona aqueduct
The market set up in Piazza Garibaldi, Sulmona

Ne consegue, quindi, che io frequento i mercati indipendentemente dalla città in cui mi trovo. Fare shopping nei mercati italiani è molto diverso dallo shopping nei mercati negli Stati Uniti, però. Ecco un paio di suggerimenti che potresti voler sapere se decidi di andare in Italia e andare in uno dei mercati.

• Molti mercati non sono aperti tutti i giorni

Mentre ci sono alcuni mercati giornalieri nelle città più grandi come Roma, Firenze, Venezia e Bologna, le città più piccole hanno uno o più giorni di mercato permanenti. Ad esempio, il Mercato Centrale di Firenze è aperto tutti i giorni, ma a Sulmona, una piccola città abruzzese, i giorni di mercato sono il mercoledì e il sabato. Pratola Peligna, altro paese abruzzese, ha il suo venerdì. Il Mercato delle Erbe (cibo) di Bologna è aperto tutti i giorni tranne la domenica, così come molti dei venditori del Mercato di Mezzo. Il mercato più grande della città, che non ha cibo, è aperto solo il venerdì e il sabato. Se sei interessato a visitare i mercati nelle città più piccole, assicurati di controllare i siti web della città o della regione in quanto ti indicheranno i giorni di mercato e gli orari di apertura.

• Mercati diversi. Prodotti diversi.

Sulmona, che ha il suo mercato in Piazza Garibaldi, ha uno dei miei mercati preferiti perché ha tutto: prodotti freschi, carne, formaggi, uova e pesce; porchetta e pollo arrosto pronti; caramelle, olive e sarde; jeans, camicie da golf e cappotti; tende, asciugamani, posta, pentole e altro ancora.

Ho comprato lì una chitarra perché voglio usarla per fare l’omonima pasta. Mentre avrei potuto comprarne uno negli Stati Uniti per $ 40-70, quello che ho comprato lì costava solo 10 euro ed è stato fatto a mano.

antique cameras on a table
Antique cameras at the Bologna Antique Market

Fino alla pandemia, Bologna aveva un mercato mensile dell’antiquariato e una versione più piccola ogni giovedì. E, naturalmente, non possiamo dimenticare che molte città organizzano mercatini di Natale durante le festività natalizie.

• Tutti gli articoli di mercato non sono creati uguali.

Se stai acquistando abbigliamento nei mercati, devi renderti conto che potresti non acquistare la migliore qualità. La tua migliore difesa è essere preparati prima di acquistare qualsiasi cosa in un mercato.

piles of leather purses
Leather purses in Florence

Molti americani vanno a Firenze con l’intenzione di acquistare pelletteria, e credono che tutto negli stand al mercato sia pelle, ci sono molti venditori che cercano di spacciare plastica (vinile) per pelle anche al San Lorenzo o al Porcellino mercati. Come lo dici? Il primo suggerimento sarebbe quello di annusare l’oggetto perché la vera pelle ha un odore leggero mentre la roba falsa ha un forte odore chimico. Secondo, se tieni in mano la vera pelle, si riscalda. Se tieni in mano finta pelle, non lo farà.

Infine, se ancora non sei sicuro, ci sono due test che puoi eseguire. Strofinare un po ‘d’acqua o saliva sul pezzo; se è vera pelle, assorbirà il liquido mentre la finta pelle no. Secondo, tieni un accendino o un fiammifero per l’oggetto; la vera pelle resisterà alla combustione mentre il falso brucerà immediatamente.

Se il venditore dice che qualcosa è stato prodotto in Italia, non necessariamente crederci. Molte volte ho comprato una sciarpa che ha un’etichetta MADE IN ITALY sapendo che è identica alle sciarpe MADE IN SPAIN o MADE IN CHINA. Mentre guardavo le sciarpe a Firenze due anni fa, ne ho viste una identica a un’altra che ho comprato negli Stati Uniti. Il venditore ha insistito che il suo fosse un prodotto italiano, ma il mio dagli Stati Uniti proveniva dalla RPC (alias Cina). Ho anche visto sciarpe con l’etichetta MADE IN ITALY stirata sopra l’etichetta MADE IN PRC. Non sto dicendo che tutto nei mercati è prodotto in RPC, ma devi stare attento.

Se ti piace una maglietta da 15 euro in una bancarella, controlla gli altri stand per prezzi migliori prima di acquistare. Se un altro venditore ha la stessa maglietta per 3 euro, controlla attentamente prima di acquistare. C’è una ragione per cui uno è cinque volte inferiore all’altro. Alcuni venditori segnaleranno lacrime e brutti momenti, ma altri no.

• I prezzi sono trattabili…. a un punto

beans, fennel, squash at the market
Beans, fennel, and squash

La maggior parte dei venditori, a meno che non provengano da un negozio fisico, contratterà un po ‘sui prezzi. Non aspettarti che scendano del 50%, ma potrebbero scendere di almeno il 10% circa. I venditori di cibo, tuttavia, non contrattano. Il prezzo che vedi è quello che paghi.

• Non toccare le verdure

In Italia non è accettabile toccare la frutta o la verdura a mani nude. Se ti trovi in ​​un mercato, permetti al venditore di offrirti quello che vuoi. NON TOCCARE significa non toccare (o sopporterai l’ira del venditore). Lo stesso, a proposito, è vero per i generi alimentari. Forniscono un guanto di plastica per farti prendere quello che vuoi.

men and women shopping the market in Bologna
Mercato Di Mezzo, Bologna

Una mia amica non ha ascoltato quel consiglio ha preso un pomodoro al Mercato di Mezzo di Bologna. Ha mandato il venditore in una filippica che si è interrotta solo quando le ho fatto comprare il suddetto pomodoro.

• Il denaro è il re del mercato

La maggior parte dei venditori del mercato non accetta carte di credito. In realtà, l’Italia è una società prevalentemente basata sui contanti e, ad eccezione degli articoli di grandi dimensioni, è meglio pagare in contanti nella maggior parte dei posti. È sempre utile avere una varietà di denaro, comprese le monete. Un giorno ho invitato l’ira di un venditore (sotto) perché gli ho dato un conto di 5 euro per pagare 2 euro di pomodori, zucca e pera. Lui ha voluto la moneta, alias monete, che io non avevo, e posso dirti che non era contento di me.

• I mercati sono sociali come gli shopping event

L’ultima parola

Immagino che parte del motivo per cui amo i mercati sia perché mi permettono di integrarmi con lo stile di vita italiano. Se vai, pensa di passare del tempo solo a guardare le persone. Ti garantisco che ti piacerà.

Chris Cutler

Travel Editor

Christine Cutler is a writer, photographer, editor, guide, teacher, traveler, Ohio native, Florida resident, and world citizen. She lives in Downtown St. Petersburg with her husband and crazy Welsh Terrier, but she can’t sit still very long. In addition to maintaining her own websites Cold Pasta and Red Wine and Christine Cutler, she is executive editor of Food, Wine, Travel Magazine; a travel, non-fiction, and memoir writer; a photographer; and an editor whose work has appeared in various publications. In addition, she has taught Spanish, English, and memoir, grammar, and business writing. A dual Italian-American citizen, she spends as much time as she can exploring Italy.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Build your authentic life in Italy! Live in Italy Magazine is an experiential lifestyle news site dedicated to anyone who has or will make Italy their home away from home. Read stories from expats and Italians.

We feature in-depth articles and interviews covering:

  • Food & Wine
  • Travel
  • Lifestyle
  • Design, Art, & Culture
  • Real Estate & Long-Term Rentals

We are committed to creating great content. Please consider becoming a Sponsor by donating on Patreon

Thank you for your support!

 

Our Contributors:

Lisa Morales, Editor-in-Chief (Miami)
Christine Cutler, Travel Editor (St. Petersburg, FL)
Lorenzo Diamantini, Food and Wine Editor (Gubbio)
Adriana Suarez, Top 8 Editor (Miami)
Maximillian Payne,  Calendar Editor (London, UK)
Bel Woodhouse, Contributing Editor (Cozumel, Mexico)
Giulia Marchetti, Contributing Editor (Viterbo)
Angie Kordic, Visual Arts Contributing Editor (Stockholm, Sweden)
Officinavisiva, Contributing Editorial Photographer (Viterbo)
Patrizia Vigolo, Contributing Wine Editor (Vicenza)

Al Esper Graphic Design: Digital Edition Art Director (Tennessee)
SQLHardhat: Aaron Morales, Website Design and SEO (Gainesville)
Visual Popcorn: John Craven, Video Editor (Miami)
Sabrina Negro, Translator (Piemonte)
Giulia Ferro, Subtitler EN/IT (San Michele all’Adige)

Sales: sales@liveinitalymag.com

Submit Your Press Release: lisa @ liveinitalymag.com

Guest Contributors:

Guest Contributor applicants should have a good understanding of WordPress. Email links to recent articles along with your social media handles to: lisa @ liveinitalymag.com.

 

en English
X