Muoviti San Patrizio, San Giuseppe è qui!

Mentre gli irlandesi e gran parte del mondo celebrano San Patrizio il 17 marzo, gli italiani si preparano a celebrare San Giuseppe il 19 marzo. Anche il giorno della festa, che onora Giuseppe come marito di Maria e padre terreno di Gesù, è Festa del Papà in Italia e in gran parte del mondo. In Sicilia e in gran parte dell’Italia meridionale, la giornata è una celebrazione della famiglia.

San Giuseppe

La storia

La dedica italiana a San Giuseppe risale al Medioevo. A quel tempo, la Sicilia soffriva di siccità e conseguente carestia. Per sopravvivere, le persone mangiavano le fave, un alimento che normalmente nutrivano con il loro bestiame. I siciliani pregavano San Giuseppe per la pioggia. Venne la pioggia; la siccità finì; i raccolti sono cresciuti; e la carestia finì.

Per onorare San Giuseppe, i siciliani preparavano mense di cibo in ringraziamento. Ancora oggi, i siciliani e gli italiani del sud celebrano San Giuseppe con grandi feste che coinvolgono la preghiera, gli altari e il cibo.

L’altare

San Giuseppe

La tradizione della tavola di San Giuseppe è nata dalla prima celebrazione riconoscente. Una volta che hanno raccolto i raccolti dopo quella pioggia, i siciliani hanno invitato i meno fortunati, i malati, i senzatetto ei poveri a condividere il loro cibo. Anche se oggi meno popolare negli Stati Uniti che in passato, la creazione della tavola di San Giuseppe è una parte importante della celebrazione nell’Italia meridionale e in Sicilia.

Generalmente, l’altare ha tre o più livelli con una statua o un’immagine di San Giuseppe. A circondarlo agli altri livelli ci sono cibi, regali, candele, rosari, carte di preghiera, e fiori. Coloro che condividono il cibo lo fanno in ricordo di la gente che hanno trovato sostentamento dopo le piogge miracolose.

Il Cibo

In genere, i cibi sulla tavola di San Giuseppe includono agrumi, pasta, pesce, e pane. Poiché il giorno della festa rientra nella Quaresima, di solito non c’è carne sulla tavola. I cibi tradizionali che decorano la tavola sono simboli della leggenda della siccità, della carestia e del santo.

Agrumi
Citrus Courtesy Nick Fewings

Portati in Sicilia dagli arabi nel 9 secolo, gli agrumi prosperavano nel clima dell’isola e del sud dell’Italia. Meno acidi e più dolci di altre varietà, questi limoni siciliani sono una parte importante della cucina siciliana. Sulla tavola di San Giuseppe, i limoni sono destinati a portare fortuna… soprattutto alle donne non sposate.

Le fave
Raw fava beans Courtesy Amir Masoud

Per onorare i fagioli che hanno sostenuto le persone durante la siccità e la carestia, i cuochi includono le fave sulla tavola di San Giuseppe. Mentre alcune famiglie includono le fave in un piatto di pasta, altre le servono semplici come spuntino. (Legumi verdi grandi, piatti, di forma ovale, sembrano fagioli di Lima troppo cresciuti). Rappresentano abbondanza e buona fortuna sulla tavola.

Pane e pangrattato

Braided bread Courtesy Jens Mahnke

Il pane è importante nella celebrazione del 19 marzo. Il Pan di San Giuseppe è un pane leggermente dolce che i fornai modellano per assomigliare a corone, croci, bastone di San Giuseppe e altri. Alcuni fornai ci mettono l’uvetta e altri la cospargono di semi di sesamo. Poiché San Giuseppe era un falegname, ei semi di sesamo rappresentano la segatura lasciata sul pavimento della sua bottega alla fine della giornata.

Il pangrattato, che rappresenta anche la segatura, è in cima agli altri piatti durante la festa. Sebbene non sia popolare in tutte le regioni, la pasta con il pangrattato è un piatto popolare sulla tavola di San Giuseppe. La “parmigiana dei poveri” inoltre, cime verdure e pesce.

Il pesce

San Giuseppe - cibo
Grilled fish ©chriscutler

I frutti di mare sono sempre stati una delle principali fonti di nutrimento in Sicilia, la tavola include sempre diversi tipi di pesce. Di solito ci sono calamari e sarde, ma abbondano anche gamberi e altri pesci.

I Dolci

Nessuna festa italiana si svolge senza i dolci. La tavola di San Giuseppe contiene un’abbondanza di biscotti, cioccolatini, cannoli, torte e altri. Anche chi è a dieta può gustare frutta e macedonie. I dolci più tradizionali sono le zeppole e gli struffoli.

St Joseph’s Day Today in the US

Mentre la festa di San Giuseppe non è popolare in tutti gli Stati Uniti, le comunità italiane nelle città e nelle chiese più grandi tengono celebrazioni. New Orleans, un importante porto di ingresso per molti immigrati siciliani, tiene celebrazioni sia nelle chiese che negli spazi pubblici. Inoltre, hanno una grande parata in cui i partecipanti distribuiscono collane e fave con perline verdi, rosse, e bianche.

Puoi anche trovare celebrazioni in molte città di New York (New York City, Syracuse, Buffalo / Lackawanna, Niagara Falls, Rochester, Utica / Rome); New Jersey (Hoboken, Hawthorne, Jersey City); Illinois (Chicago, Elmwood Park, Rockford), Providence, Rhode Island; Hartford, Connecticut; e Gloucester, Massachusetts. Invece di indossare il verde come gli irlandesi, i partecipanti indossano il rosso o una combinazione di rosso, verde, e bianco per onorare la bandiera italiana.


Potresti anche divertirti a leggere …

Sformato di Roveja
Cinque mercati italiani da non perdere
Capesante al timo con crema di patate allo zafferano

Chris Cutler

Travel Editor

Christine Cutler is a writer, photographer, editor, guide, teacher, traveler, Ohio native, Florida resident, and world citizen. She lives in Downtown St. Petersburg with her husband and crazy Welsh Terrier, but she can’t sit still very long. In addition to maintaining her own websites Cold Pasta and Red Wine and Christine Cutler, she is executive editor of Food, Wine, Travel Magazine; a travel, non-fiction, and memoir writer; a photographer; and an editor whose work has appeared in various publications. In addition, she has taught Spanish, English, and memoir, grammar, and business writing. A dual Italian-American citizen, she spends as much time as she can exploring Italy.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Build your authentic life in Italy! Live in Italy Magazine is an experiential lifestyle news site dedicated to anyone who has or will make Italy their home away from home. Read stories from expats and Italians.

We feature in-depth articles and interviews covering:

  • Food & Wine
  • Travel
  • Lifestyle
  • Design, Art, & Culture
  • Real Estate & Long-Term Rentals

We are committed to creating great content. Please consider becoming a Sponsor by donating on Patreon

Thank you for your support!

 

Our Contributors:

Lisa Morales, Editor-in-Chief (Miami)
Christine Cutler, Travel Editor (St. Petersburg, FL)
Lorenzo Diamantini, Food and Wine Editor (Gubbio)
Adriana Suarez, Top 8 Editor (Miami)
Maximillian Payne,  Calendar Editor (London, UK)
Bel Woodhouse, Contributing Editor (Cozumel, Mexico)
Giulia Marchetti, Contributing Editor (Viterbo)
Angie Kordic, Visual Arts Contributing Editor (Stockholm, Sweden)
Officinavisiva, Contributing Editorial Photographer (Viterbo)
Patrizia Vigolo, Contributing Wine Editor (Vicenza)

Al Esper Graphic Design: Digital Edition Art Director (Tennessee)
SQLHardhat: Aaron Morales, Website Design and SEO (Gainesville)
Visual Popcorn: John Craven, Video Editor (Miami)
Sabrina Negro, Translator (Piemonte)
Giulia Ferro, Subtitler EN/IT (San Michele all’Adige)

Sales: sales@liveinitalymag.com

Submit Your Press Release: lisa @ liveinitalymag.com

Guest Contributors:

Guest Contributor applicants should have a good understanding of WordPress. Email links to recent articles along with your social media handles to: lisa @ liveinitalymag.com.

 

en English
X