Tradizioni natalizie italiane e famiglia

La famiglia è, senza dubbio, il valore più importante dell’Italia e le celebrazioni, in particolare le tradizioni natalizie italiane, fanno molto per ribadire quel legame. I miei ricordi da ragazza più felici sono le nostre feste della Vigilia di Natale quando tutta la famiglia (circa 35 di noi) celebrava la festa insieme a una serata di cibo, scambio di regali, giochi e balli.

Old wagon filled with gifts and witch. hay bales decorated with ribbons and piled as christmas tee
Abruzzese Christmas Display

Mentre noi cugini correvamo per la casa, gli zii si sedevano e parlavano, e le zie preparavano un enorme buffet che includeva insalata, pasta, verdure e pesce: baccalà, scungilli, calamari, anguilla e gamberetti.  Anche se gli italiani non mangiano carne alla Vigilia di Natale, nostra nonna aveva sempre pollo, polpette e salsicce per quelli di noi a cui non piaceva il pesce. Il dolce includeva panettone, pizzelle, polpette di rum di zia Vera, castagne arrostite, pignolli, caggionetti (o “cuscini”, come li chiamava mia madre) e altri.

Il giorno di Natale, abbiamo sempre iniziato la cena con la zuppa di stracciatella, una tradizione abruzzese. (La stracciatella è una ricca zuppa a base di brodo di pollo, verdure, polpettine e uovo crudo lasciato cadere nella zuppa mentre bolle che formano la stracciatella.)

Lo facevamo in tutte le principali festività come il Thanksgiving, Natale e Pasqua”, mi ha detto Sergio Ciccone, aggiungendo: “Lo abbiamo avuto anche in occasioni speciali”. Lui e sua moglie, Trish, continuano la tradizione utilizzando la ricetta di sua madre.

Tradizioni familiari = miglior regalo di tutti

Recentemente, ho pensato molto a quanto sono fortunata ad essere cresciuta come nipotina di immigrati italiani che hanno insegnato a me e a miei cugini ad amare il cibo, la cultura, i tradizioni. Era comune per l’intera famiglia—nonni, zie, zii, cugini—riunirsi la domenica, i compleanni e le vacanze, per divertirsi. Una volta che ho sposato qualcuno che non è di origine italiana e mi sono allontanata dalla famiglia, la mia vita è cambiata. Anche se la famiglia è ancora il valore più importante, non c’erano più domeniche con la famiglia e le nostre celebrazioni sono diventate molto più tranquille.

Negli ultimi 11 anni, ho viaggiato in Italia più volte all’anno, sono entrata in contatto con la famiglia ancora nel villaggio dei miei nonni, ho ottenuto la cittadinanza italiana, e vivo lì alcuni mesi all’anno. Vedo che molte delle tradizioni che davo per scontate da ragazza si osservano ancora oggi in Italia. Ora mi rendo conto che quello che io e miei cugini abbiamo vissuto da bambini è stato il regalo più importante che i nostri nonni ci hanno portato dall’Italia.

Le tradizioni italiane oggi

Come ho già detto, quando ero ragazza, non mi rendevo conto che le nostre celebrazioni per le feste erano profondamente radicate nella cultura, quindi non avevo idea che mangiare pesce alla Vigilia di Natale aveva un significato. Originario dei cattolici dell’Italia del sud, l’astensione dalla carne il venerdì e la Vigilia di Natale risale ai primi giorni della Chiesa come forma di penitenza. Gli immigrati negli Stati Uniti hanno portato la tradizione, che si è evoluta nella “Festa dei sette pesci,” un concetto iniziato dagli immigrati italiani nel nord-est e sconosciuto in Italia.

Le tradizioni natalizie italiane come quelle dei miei nonni sono ancora vive in Italia. I miei amici e la mia famiglia mi assicurano che gli italiani non mangiano carne la Vigilia di Natale. Giovanni Grillenzoni, che vive a Bologna, mi dice che neanche i venerdì di Avvento mangiano carne. Cristina Di Pilla, residente a Pettorano sul Gizio (il paese dei miei nonni), è d’accordo. “Allora nella vigilia di natale si mangia il pesce  dall’antipasto fino al dolce,” dice. “No, il dolce rimane il classico panettone farcito o dolce tipico.”

E il giorno di Natale? La famiglia di Cristina inizia con la Stracciatella prima di gustare l’agnello arrosto e le verdure.

bowl of soup, christmas greens
Stracciatella Soup

Tradizioni natalizie 2021

Io e mio marito speriamo di viaggiare in Italia per il Natale 2021 in modo da poter vivere le tradizioni natalizie italiane da dove le hanno portate i miei nonni. Fino ad allora, lasciatemi condividere la mia ricetta per la stracciatella.

Stracciatella

Per le polpette

250 g di maiale macinato

250 g di carne macinata

3-4 cucchiai di formaggio grattugiato (Romano, Asiago o Parmigiana)

1/3 di tazza di pangrattato

1 cucchiaio di prezzemolo secco

1 cucchiaio di basilico secco

1/2 cucchiaino di sale

1/4 cucchiaino di pepe

1 uovo

NOTA: Puo aggiungere cipolle e aglio a piacere. Mia nonna e mia madre non l’hanno mai fatto.

Per la zuppa

1,5 litro di brodo di pollo (Swanson, College Inn, ecc.)

2 uova grandi

2 cucchiai di formaggio grattugiato fresco (Romano, Asiago o Parmigiana)

1 cucchiaio di prezzemolo secco

1 cucchiaio di basilico secco

340 g di spinaci, indivia o scarola (io uso gli spinaci confezionati)

Indicazioni
Polpette

Unisci le carni macinate in una grande ciotola e mescola a mano. Aggiungere gli ingredienti rimanenti e mescolare fino a ottenere un composto omogeneo. Fai attenzione a non mescolare troppo gli ingredienti.

Utilizzando circa un cucchiaino colmo del composto, formare le polpette e disporle su una teglia o in una teglia. Infornare a 200 C gradi fino a doratura, circa 15 minuti.

La minestra

A fuoco medio, portare a ebollizione il brodo, il formaggio, il prezzemolo e il basilico in una pentola media. Aggiungi le polpette.

Sbattere le uova e condirle nel brodo mescolando con una forchetta per formare i filetti. Quando le uova sono ben impostate, incorporare le verdure e cuocere finché non saranno appassite.

Puoi servire la zuppa così com’è o aggiungere pasta piccola (tubetini, pastina, stelle, ecc.) O crostini (Segue la ricetta).

Crostini all’uovo di Maria Ciccone

Ricetta per gentile concessione di Sergio Ciccone

2 uova sbattute con una forchetta

2 cucchiai di Parmigiana

Un pizzico di lievito in polvere

2 cucchiai di farina di cracker

Indicazioni

Combina tutti gli ingredienti. Ungere la pirofila di vetro con Crisco. Versare nel piatto e infornare a 150 C fino al termine. Tagliare in ¼ quadrati prima di raffreddare.

Avatar
Chris Cutler

Travel Editor

Christine Cutler is a writer, photographer, editor, guide, teacher, traveler, Ohio native, Florida resident, and world citizen. She lives in Downtown St. Petersburg with her husband and crazy Welsh Terrier, but she can’t sit still very long. In addition to maintaining her own websites Cold Pasta and Red Wine and Christine Cutler, she is executive editor of Food, Wine, Travel Magazine; a travel, non-fiction, and memoir writer; a photographer; and an editor whose work has appeared in various publications. In addition, she has taught Spanish, English, and memoir, grammar, and business writing. A dual Italian-American citizen, she spends as much time as she can exploring Italy.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Build your authentic life in Italy! Live in Italy Magazine is an experiential lifestyle news site dedicated to anyone who has or will make Italy their home away from home. Read stories from expats and Italians.

We feature in-depth articles and interviews covering:

We are committed to creating great content. Please consider becoming a Sponsor by donating on Patreon

Thank you for your support!

Our Contributors:

Lisa Morales, Editor-in-Chief (Miami)
Christine Cutler, Travel Editor (St. Petersburg)
Lorenzo Diamantini, Contributing Food Editor (Gubbio)
Matteo Zanni, Contributing Wine Editor (Emilia Romagna)
Maximillian Payne, Contributing Editor (UK)
Bel Woodhouse, Contributing Editor (Mexico)
Giulia Marchetti, Contributing Editor (Viterbo)
Karen La Rosa, Contributing Editor (New York)

Al Esper Graphic Design: Digital Edition Art Director
SQLHardhat: Aaron Morales, Website Design and SEO
Visual Popcorn: John Craven, Video Editor

Sales: sales@liveinitalymag.com

Submit Your Press Release: lisa @ liveinitalymag.com

Guest Contributors:

Guest Contributor applicants should have a good understanding of WordPress. Email links to recent articles along with your social media handles to: lisa @ liveinitalymag.com.